Erbe

IL CRESPINO

Berberis vulgaris in dialetto e' conosciuta come : Crespì, Berberì e Öa spinèta



Il Crespino è arbusto eretto, da uno a tre metri, presenta una corteccia grigia. I suoi rami sono scanalati, formati da legno duro e giallo; le sue foglie, riunite in facetti sui rami, sono di un verde chiaro, rigide, obovali, bordate di ciglia spinose. Verso maggio-giugno si riveste di fiorellini gialli, riuniti in grappoli penduti. Ha bacche color corallo, ovoidali, contenenti ciascuna, due tre semi. Il Crespino cresce lungo le siepi di pianura e nei boschi di montagna fino a 1900 metri.

Della pianta si utilizzano le foglie (maggio-giugno), la scorza della radice quando e' fresca (autunno) e i frutti raccolti a settembre-ottobre. Foglie e corteccia si usano nelle inappetenze, per combattere la stitichezza e i disturbi delle vie urinarie. Come lassativo si consiglia il decotto: bollire 40 grammi di corteccia in un litro di acqua per 10 minuti e lasciare in infusione per altri 10 minuti (tre tazze al di' ). Le bacche del crespino, ricche di acido citrico e malico, sono dissetanti, diuretiche, febbrifughe e antiffettive.

Le foglie del crespino e i germogli freschi si possono mangiare in insalata, mentre con il succo delle bacche, allungato con 80% di acqua, si prepara un buon aceto.

Nel Portale della Val Brembana

  • Flora delle Orobie

    Flora delle Orobie

    Il concetto di protezione delle specie legato in un primo tempo quasi esclusivamente a motivi estetici, per scongiurare il pericolo di vedere scomparire piante che rappresentavano un ornamento della Montagna ed un abbellimento del manto che ci circonda....
  • Fauna delle Orobie

    Fauna delle Orobie

    La Valle Brembana superiore è parte integrante del Parco Regionale Montano e Forestale delle Alpi Orobie e ne occupa un ampio settore di estremo interesse naturalistico e faunistico. A quanti scelgono di visitare la nostra valle Brembana non deve sfuggire l’occasione di poter godere di queste bellezze....