Erbe

ERBE DELLA SALUTE
LE MEDICINE DI UNA VOLTA

I nostri vecchi quando non stavano bene/ si curavano con le erbe tutti i giorni. Per influenza, raffreddore, mal di gola/ fumenti con i fiori di sambuco/ e camomilla un rimedio utile. Ancora fiori di sambuco e fiori di tiglio/ per far tornare la voce non c’è niente di meglio. Se la tosse non ti lascia in pace/ con l’erba polmonaria tu dovevi curarti. Per bronchiti e polmonite/ non c’erano le penicilline/ con la farina di lino ti applicavano le pappine,/ ti scottavano la pelle molto forte/ in otto giorni o guarivi o ti suonavano la campana. Se le costole andavano fuori posto/ un cerotto di resina/ era un toccasana. Se la pressione del sangue era alta/ un bicchiere di acqua tutte le mattine/ con una testa di aglio/ guariva tutti i mali. Per il mal di denti/ erba salvia e acqua di malva. Adesso è “acetone”/ una volta li chiamavano vermi/ mettevano al collo una corona di aglio/ o tre gocce di medico,/ per far passare i vermi ai ragazzi. Acqua di radici di erba gramigna/ per fare urinare le donne/ che avevano l’albumina prima di partorire. Una battuta di lardo e ortiche/ ti mettevano addosso/ per fare uscire le botte dalle ossa. Per rinforzare i capelli o farli crescere/ acqua di radici di bardana frequentemente. Un bicchiere di acqua di genziana la mattina/ tiene lontano la medicina. Le nostre mamme per cucinare erano fini,/ volete una ricetta per fare delle buone minestrine? Bistorta, spinacio selvatico,/ foglie di primula, cime di ortiche/ la chiamavano minestra d’erbe/ tutti ne mangiavano più che si può.

MEDESÌNE DE ÖNA ÖLTA

I nòs-cc vècc quando i stàa mia bé/ i sa cüràa coi érbe töce dé. Per la ‘nflöénsa, fregiùr, mal de canèl/ perföm coi fiùr de sambüch/ e camamela ü reméde bèl. Amó fiùr de sambüch e fiùr de téi/ per fa gnì sö la us l’ gh’ è negót de mèi. Se la tóss la ta làga mia ‘n pas/ co l’ érba pulmunéra to gh’ ìet de cüràss. Per bronchite, pulmuinite,/ l’ gh’ éra mia i penicilline/ co la farina de linùsa i ta fàa sö i papìne,/ i ta scotàa sö la pèl de bù/ en vòt dé, o reégn, o i ta sunàa ol ségn. Se i còste i ‘ndàa fò de pòst/ ü seròt de rasa/ l’ éra ol tóca sana. Se la pressiù dol sangh l’éra ólta/ ü bicér de aqua töce matine/ co ‘nd’ ü có de ài/ i guarìa töce mai. Per ol mal de décc/ érba salvia e aqua de malva. Adèss l’è “acetone”/ öna ólta i a ciamàa érem/ i ga metìa al còl öna curuna de ài/ o tri góte de médech,/ per fa passà i érem ai bagài. Aqua de raìs de érba gramégna/ per fa ürinà i fómle/ che i gh’ ìa l’albumìna prima de crumpà. Öna pestàda de lard e ürtìghe/ i ta metìa adòss/ per tirà fò i bòte dai òss. Per rinforsà i caèi o fài crèss/ aqua de raìs de capelàss de spèss. Ü bicér de aqua de giansàna la matina/ el tegn de lontà la medesìna. I nòste mame per fà de mangià i éra fine,/ ülìf öna rissèta per fa di bune minestrine? Mescündìt, parüch,/ fòie de primule, séme de ürtighe/ i la ciamàa ol viaröl/ tocc i ‘n na mangiàa ‘nfina chè s’ pöl.

Sergio Fezzoli (tratto dal libro “Profumi e sapori di un tempo” a cura di Cristian Bonaldi)

ATTENZIONE: le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo.Si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Nel Portale della Val Brembana

  • Flora delle Orobie

    Flora delle Orobie

    Il concetto di protezione delle specie legato in un primo tempo quasi esclusivamente a motivi estetici, per scongiurare il pericolo di vedere scomparire piante che rappresentavano un ornamento della Montagna ed un abbellimento del manto che ci circonda....
  • Fauna delle Orobie

    Fauna delle Orobie

    La Valle Brembana superiore è parte integrante del Parco Regionale Montano e Forestale delle Alpi Orobie e ne occupa un ampio settore di estremo interesse naturalistico e faunistico. A quanti scelgono di visitare la nostra valle Brembana non deve sfuggire l’occasione di poter godere di queste bellezze....